Messner, trovato l'altro scarpone del fratello morto 52 anni fa: “Non lo abbandonai”

Messner, trovato l'altro scarpone del fratello: “La prova che non l’ho abbandonato”. (Photo by Jakubaszek/Getty Images)
Messner, trovato l'altro scarpone del fratello: “La prova che non l’ho abbandonato”. (Photo by Jakubaszek/Getty Images)

Dopo 52 anni dalla morte di Gunther Messner - fratello dell’alpinista Reinhold - travolto da una valanga durante la spedizione sul Nanga Parbat, la montagna ha restituito anche il secondo scarpone.

Lo ha annunciato su Instagram Reinhold Messner pubblicando una foto della calzatura da montagna appartenente al fratello: "La scorsa settimana, la seconda scarpa di mio fratello Gunther è stata trovata ai piedi del ghiacciaio del Diamir da gente del posto. Dopo cinquantadue anni. La tragedia del Nanga Parbat rimane per sempre così come Gunther". Nel 1970 i due fratelli riuscirono nell'impresa di raggiungere la vetta del Nanga Parbat, ma durante la discesa una valanga sorprese Gunther. Il fratello maggiore riuscì invece a raggiungere il campo base dopo alcuni giorni, quando ormai tutti li avevano dati per morti.

"Il ritrovamento del secondo scarpone sul versante Diamir del Nanga Parbat è solo la conferma di quanto io ho sempre detto", ha riferito all’ANSA l’alpinista accusato all'epoca di aver abbandonato suo fratello per non condividere la gloria dell’impresa.

LEGGI ANCHE: Messner, il figlio: “Non accetto che sua moglie abbia l’età di mia sorella”

"Ora il ghiacciaio ha restituito anche il secondo scarpone. Io sono in pace con me stesso e con l'intera vicenda, i dietrologi ci saranno sempre, ma questo non importa", ha aggiunto Messner.

LEGGI ANCHE: Messner, 'ecco perché mi sono sposato per la terza volta'

I resti di Gunther furono trovati nel 2005 insieme al primo scarpone. Allora il “re degli Ottomila” tornò sul Nanga Parbat per cremare i resti di suo fratello. "Mi hanno chiamato fratricida per l'invidia di fama e soldi -disse all'epoca Messner- Il ritrovamento dei resti e di uno scarpone dimostrano senza ombra di dubbio che Gunther è morto durante la discesa e non è stato abbandonato da me durante la salita".

GUARDA ANCHE: Chi è Reinhold Messner?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli