Messo all'asta il primo SMS della storia: il ricavato andrà in beneficienza

·1 minuto per la lettura
primo sms
primo sms

Il primo SMS della storia fu inviato da Vodafone il 3 dicembre 1992 e aveva augurato ‘Merry Christmas’ a Richard Jarvis, dipendente dell’azienda.

Il primo SMS della storia messo all’asta per beneficienza: diventa un NFT

Finisce all’asta come NFT (Non Fungible Token) il primo SMS mai inviato nella storia. Quell’augurio di buon Natale inviato direttamente da Vodafone a Richard Jarvis, un dipendente della stessa azienda, il 3 dicembre del 1992, ben ventinove anni fa. Adesso qualche appassionato di tecnologia potrà acquistare questo reperto digitale.

Il primo SMS della storia messo all’asta per beneficienza: l’UNHCR

Questo messaggio messaggio sarà messo all’asta il 21 dicembre dall’agenzia francese Aguttes. L’acquirente dovrà pagare in Ethereum. La cifra ricavata andrà a finire nel budget nell’UNHCR, andando aiutare qualche famiglia di rifugiati che fugge da situazioni insostenibili nel proprio Paese. Si pensa che l’asta raccoglierà come minimo 200mila dollari, ma probabilmente la cifra sarà molto più alta.

Il primo SMS della storia messo all’asta per beneficienza: il commento di Aguttes

Maximilien Aguttes, responsabile della casa d’aste Aguttes ha spiegato: “Il primo libro stampato, la prima telefonata, la prima email: tutte queste invenzioni hanno cambiato la nostra vita e la nostra comunicazione nel mondo. Questo primo sms ricevuto nel 1992 è una testimonianza storica del progresso umano e tecnologico. Ha trasmesso un messaggio di gioia, ‘Buon Natale’.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli