Meteo, in arrivo l'"Urlo Africano": caldo anomalo con temperature fino a 35 gradi

HuffPost

Il vortice di bassa pressione che nei giorni scorsi ha condizionato negativamente il meteo su alcune regioni del nostro Paese ha le ore contate. La perturbazione si sta spostando infatti gradualmente verso le coste settentrionali del Marocco e dell’Algeria e secondo le previsioni del meteo.it assisteremo nelle prossime ore ad un’anomala ondata d’aria calda proveniente dal Nord Africa.

A garantire una fase climatica stabile sarà poi l’azione dell’anticiclone delle Azzorre, che comincerà a muoversi verso l’Italia centro- settentrionale:

Ci sono dunque tutti i presupposti per una fase meteo climatica di stampo addirittura estivo contrassegnata da tanta stabilità e con temperature che potrebbero schizzare anche verso i 34-35°C. Insomma, un vero e proprio “urlo africano” che ci permetterà addirittura di tirare fuori nuovamente i costumi.

I meteorologi spiegano poi in modo dettagliato le evoluzioni che ci attenderanno nei prossimi giorni. Se fino a mercoledì 11 non ci sono stati grossi cambiamenti sul fronte climatico, a partire dal 12 la situazione cambierà. Si intensificheranno le correnti calde nord africane e si avrà “un’alta pressione con matrice in parte azzorriana ed in parte sub-tropicale”. Come si legge sul Meteo.it:

Da venerdì e almeno fino a tutto prossimo weekend, sarà un vera e propria escalation di caldo con valori massimi che potranno arrivare a toccare anche i 34/35°C. Per ragioni soprattutto geografiche, saranno la Sardegna, la Sicilia e parte dei versanti tirrenici a risentire maggiormente di questo improvviso ritorno del caldo. Questi elevati valori si potranno infatti registrare nelle aree interne della Sardegna e sui settori occidentali della Sicilia. Si arriverà comunque prossimi ai 31/32°C anche in città come Napoli, Roma e Firenze e anche su gran parte delle regioni meridionali.

Per quanto riguarda invece le regioni del centro nord, precisano i meteorologi, “Le temperature sono previste in aumento anche se...

Continua a leggere su HuffPost