Meteo, l’ondata di freddo raggiunge anche l’estremo Sud e le Isole

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 feb. (askanews) - L'afflusso di aria molto fredda che sta sferzando la nostra penisola da nordest inizierà ad attenuarsi già da oggi sulle regioni settentrionali mentre raggiungerà il suo apice al Sud e sulle Isole. Questo il quadro meteo fornito dai meteorologi di iconameteo.it, i quali spiegano che i venti freddi e intensi che soffiano dall'Europa orientale verso la nostra penisola sono in origine abbastanza asciutti, ma divengono più umidi transitando sopra i mari. Per questo motivo, grazie anche al locale aumento dell'instabilità, su alcuni settori del versante adriatico, dello Ionio e del nord della Sicilia si potranno osservare deboli precipitazioni, nevose anche a quote molto basse.

Nel corso della giornata di domani, invece, i venti freddi si attenueranno anche sulle regioni centrali e solo il Sud del Paese resterà ancora esposto a una ventilazione vivace da nordest, associata a residue e deboli precipitazioni.

L'ondata di freddo poi si esaurirà gradualmente in tutto il Paese nei primi giorni della prossima settimana, a partire dalle regioni settentrionali.

In particolare, per quanto riguarda le prossime ore al Nord ci sarà cielo in prevalenza sereno. Al Centro cielo sereno o poco nuvoloso sul Lazio e sulla Toscana; sulle altre regioni nuvolosità irregolare accompagnata da debolissime nevicate, a carattere isolato, su Abruzzo, Molise, rilievi umbro-marchigiani. Al Sud nuvolosità variabile, con schiarite più ampie sul settore tirrenico; nel corso della giornata brevi rovesci isolati, nevosi anche a quote molto basse, potranno interessare la Puglia, specie la parte centrale ed il nord-est della Calabria. In Sicilia cielo da poco a parzialmente nuvoloso, con locali precipitazioni più probabili in serata sul nord dell'Isola, nevose sopra 300-400 metri. In Sardegna poco nuvoloso, salvo temporanei addensamenti sull'est dell'Isola.

Temperature in ulteriore calo al Sud e sulle Isole; in rialzo altrove, specie sul Nord-Ovest. Venti: in prevalenza deboli al Nord; da moderati a forti sul resto del Paese, per lo più nord-orientali. Mari: poco mossi i bacini settentrionali; molto mossi tutti gli altri.