Meteo, nel weekend temperature "da fine aprile"

(Getty Images)

Il “colpevole” dell'assenza dell'inverno su gran parte dell'Europa? E' il vortice polare, una grande circolazione di bassa pressione in quota, che ha raggiunto valori da record. E che non accenna a diminuire, dato che farà registrare a fine mese un nuovo picco, mentre nel weekend sono previste nel nostro Paese temperature da fine aprile.

VIDEO - Clima: la mimosa ora sboccia a febbraio

Ad analizzare le cause di queste anomalie climatiche è il meteorologo Rino Cutuli di Meteo Expert-Meteo.it, in un'analisi pubblicata su IconaClima. "Il vortice polare - spiega - è una vera e propria trottola colma di aria molto fredda che staziona a una quota tra 10 e 30 km sul Polo Nord. Più si raffredda, più si approfondisce e più intensamente ruotano i venti in senso antiorario attorno al suo centro, assumendo una forma via via sempre più circolare e simmetrica, diminuendo le probabilità di irruzioni artiche o polari verso le medie e basse latitudini".

Oltre alla velocità dei venti, che ai 30 Km di altezza sopra il Polo Nord hanno raggiunto i 60 m/s, da primato è stato anche l'indice di Oscillazione Artica, calcolato in base alla differenza di pressione rilevata tra l'Artico e le medie-basse latitudini. Quando è positivo l'aria fredda resta imbrigliata al suo interno senza avere possibilità di fuoriuscire dalla sua sede naturale, determinando un tempo prevalentemente stabile e più mite del normale sull'America settentrionale, sull'Europa centrale e meridionale e su gran parte dell'Asia.

È stato così, rileva Cutuli, "un inverno praticamente inesistente su oltre tre quarti di Europa, con temperature eccezionalmente miti e di molto oltre la norma. E non è finita qui, perché a fine mese è previsto un nuovo picco record, superiore a quest'ultimo appena raggiunto".

Intanto, secondo i meteorologi di Meteo Expert, ci attendono nuove giornate con tempo soleggiato e stabile, con temperature al di sopra delle medie stagionali, praticamente primaverili. Tra il weekend e l'inizio della prossima settimana, sottolineano, arriveremo a toccare punte di 21-22 gradi, valori tipici di fine aprile. Lunedì non sono attesi grandi cambiamenti: l'alta pressione garantirà ancora tempo in prevalenza soleggiato e temperature insolitamente miti. Poi, nei giorni successivi, è probabile un cedimento dell'alta pressione.

VIDEO - Clima: vini a rischio per il riscaldamento globale