Meteo, ponte del 2 giugno a rischio

webinfo@adnkronos.com

In questi giorni il nostro Paese è parzialmente protetto da un’area di alta pressione di origine oceanica. Ciò si traduce in un tempo stabile, in prevalenza soleggiato e con un clima gradevole e mai troppo caldo. L’alta pressione però non riesce a inglobare tutte le regioni in quanto bloccata a Est da un nucleo instabile che favorisce l’afflusso di aria più fresca. Il team del sito iLMeteo.it avvisa che fino a giovedì il tempo continuerà ad essere in gran parte soleggiato, a parte qualche isolato e occasionale rovescio o temporale (mercoledì in Molise e in Puglia, giovedì sulle Alpi orientali). I venti cominceranno ad intensificarsi sempre più sul Mare Adriatico centro-meridionale con raffiche fino a 80 km/h in Puglia (mareggiate lungo le coste). Da venerdì il tempo comincerà a peggiorare, i temporali alimentati da aria sempre più fresca, si faranno sempre più frequenti su tutte le Alpi e gli Appennini. 

Il team del iLMeteo.it avverte che da sabato 30 il clima comincerà a raffreddarsi, temporali interesseranno le Alpi, gli Appennini e le due Isole maggiori. Saranno possibili anche locali grandinate, localmente di grosse dimensioni. Domenica 31 saranno ancora le Alpi, i rilievi appenninici e anche tutto il Triveneto ad essere colpiti da temporali. Lunedì 1 giungo e martedì 2 (festa della Repubblica) tempo ancora instabile sul Triveneto e sulle regioni adriatiche con rovesci temporaleschi localmente intensi. Durante questo lungo ponte le temperature subiranno una flessione e scenderanno sotto la media del periodo di circa 5°C.