Tempo instabile, piogge e temperature su: il meteo del 15 e 16 maggio

Maltempo a Roma, arcobaleno dopo le forti piogge

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per la giornata di oggi in Italia.

Nord: nuvolosità irregolare su tutte le regioni, più compatta sulle aree alpine e prealpine con deboli piogge al mattino. Nel corso della mattinata le precipitazioni interesseranno anche la Liguria, le zone pianeggianti di Piemonte e Lombardia e l'Appennino emiliano mentre nel pomeriggio insisteranno soltanto su Triveneto, Romagna, aree appenniniche e levante ligure, anche con manifestazioni temporalesche. In serata i fenomeni tenderanno ad esaurirsi e si avranno ampie schiarite.

Centro e Sardegna: molto nuvoloso con piogge diffuse e locali temporali su regioni tirreniche, Umbria, Sardegna e sui rilievi di confine di Marche e Abruzzo, in temporanea estensione, durante le ore centrali, anche alle restanti aree delle ultime due regioni. Miglioramento serale ad eccezione dell'isola e del Lazio centro-meridionale.

Sud e Sicilia: molte nubi ovunque accompagnate da piogge diffuse, al mattino, sulla Campania, in successiva estensione alle restanti regioni anche se a carattere decisamente più debole e sparso. Possibile qualche isolato temporale sul settore appenninico e sul Salento. Generale assorbimento dei fenomeni in serata.

Temperature: massime in rialzo su Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta; stazionarie sulla Sardegna; in deciso calo altrove.

Venti: moderati o temporaneamente forti di maestrale sulla Sardegna. Moderati di libeccio al centro-sud con locali rinforzi sulla aree costiere tirreniche e sui crinali appenninici. Deboli occidentali al nord.

Mari: da molto mosso ad agitato il mar di Sardegna. Molto mossi il canale di Sardegna e il Tirreno centro-meridionale con moto ondoso in attenuazione su quest'ultimo, per fine giornata. Mossi i restanti bacini.

Le previsioni per la giornata di domani

Nord: al primo mattino addensamenti compatti a ridosso dei rilievi alpini e prealpini, con qualche isolato debole rovescio o temporale; poco nuvoloso o velato sul resto del settore. Dalla seconda parte della mattinata generale aumento della nuvolosità cumuliforme, con i fenomeni a carattere sparso che interesseranno l'intera area montuosa e tenderanno ad estendersi nel primo pomeriggio anche al resto del nord-ovest. Dal tardo pomeriggio parziale diradamento della nuvolosità compatta ed attenuazione dei fenomeni.

Centro e Sardegna: al mattino cielo molto nuvoloso o coperto sulle regioni tirreniche, con rovesci o temporali da sparsi a diffusi, localmente anche intensi sul Lazio centromeridionale; spesse velature sul resto del settore. Dal pomeriggio tendenza a parziale diradamento della nuvolosità compatta ed attenuazione dei fenomeni. In serata avremo ancora addensamenti compatti su Lazio, Umbria, aree interne dell'Abruzzo e sulla Sardegna, ma con al più locali deboli fenomeni lungo le aree costiere del Lazio, ed ancora velato sul resto del settore.

Sud e Sicilia: al mattino molto nuvoloso su Campania, Molise, Puglia centrosettentrionale, Basilicata con rovesci o temporali da sparsi a diffusi, localmente anche intensi sulla Campania settentrionale, generalmente poco nuvoloso sul resto del settore. Dal tardo pomeriggio tendenza a diradamento della nuvolosità compatta e attenuazione dei fenomeni sulla Puglia, Basilicata ed aree costiere del Molise; poco nuvoloso o velato sul resto del settore. In serata avremo ancora addensamenti compatti sulla Campania ed aree interne del Molise, con associati deboli fenomeni lungo le aree costiere; poco nuvoloso o velato altrove.

Temperature: minime diminuzione su Sicilia, Calabria centromeridionale, Puglia salentina e Toscana, generalmente stazionarie su Alpi e Prealpi centrorientali e sul resto della Puglia, in aumento altrove; massime in rialzo, anche marcato, ovunque.

Venti: deboli dai quadranti occidentali con locali rinforzi sulla Sardegna.

Mari: molto mosso localmente agitato al largo il mar di Sardegna; da mossi a molto mossi il canale di Sardegna ed il mar Ligure; mossi il Tirreno e lo stretto di Sicilia; da poco mossi a mossi gli altri bacini.