Meteomont: marcato rischio valanghe sulle Alpi -3-

Cro-Mpd

Roma, 31 gen. (askanews) - Sia sulle Alpi che sull'Appennino permane la presenza di croste superficiali da fusione e rigelo, favorite dal lungo periodo di freddo e sole, e croste da vento, tutte compatte e dure, molto pericolose per il rischio elevato di scivolamenti, di difficile individuazione perché ricoperte da neve fresca o neve ventata di recente deposizione. Specie nelle zone in ombra e nei versanti settentrionali. Si consiglia pertanto il possesso di una buona esperienza nell'individuazione dei punti pericolosi e ottime capacità di tecnica sci-alpinistica, sensibilità sulla tenuta delle pelli e di impiego dei ramponi, dei coltelli e delle piccozze. Per la localizzazione e la tipologia dettagliata del pericolo valanghe, è possibile consultare i bollettini valanghe (pubblicati sul sito italiano www.meteomont.gov.it, sull'App "Meteomont" scaricabile sugli smartphone, sul sito europeo www.avalanches.org dell'EAWS - European Avalanche Warning Services).

Meteomont Carabinieri consiglia di leggere ed interpretare con attenzione i bollettini valanghe, che utilizzano termini e valutazioni che rappresentano standard europei ed internazionali, con l'ausilio delle relative "guide alla lettura", anch'esse pubblicate. Preparare con attenzione le uscite, controllando sempre l'attrezzatura, le condizioni meteonivologiche in atto e previste, le pendenze e le caratteristiche del terreno lungo gli itinerari scelti, le condizioni psico-fisiche e tecniche dei partecipanti prima e durante la gita.