Metro da Milano fino a Monza: ministero firma la convenzione

Red-Alp

Milano, 12 nov. (askanews) - Firmata la Convenzione per l'erogazione del finanziamento del ministero per le Infrastrutture e i Trasporti destinato alla realizzazione del prolungamento della linea metropolitana M5 dalla stazione milanese Bignami fino a Monza. Lo ha annunciato l'Amministrazione meneghina, spiegando che la realizzazione del prolungamento è frutto di un cofinanziamento al quale partecipano anche Regione Lombardia con 283 milioni di euro, Comune di Milano con 37 milioni di euro, Comune di Monza con 27,5 milioni di euro, Comune di Cinisello Balsamo con 13 milioni di euro e Comune di Sesto San Giovanni con 4,5 milioni di euro. Si aggiunge così una nuova tappa all'iter di realizzazione del prolungamento della Lilla verso il capoluogo della Provincia di Monza e Brianza. Grazie ai finanziamenti già pervenuti nel 2016 MM è al lavoro sul progetto definitivo.

L'importo totale del contributo dello Stato per la realizzazione dell'opera è di 900 milioni di euro. Milano è capofila del progetto di realizzazione dell'opera definita, nella stessa convenzione appena stipulata, come strategica per il territorio di tutta la Regione Lombardia.

Il progetto prevede per la M5 un prolungamento di 13 chilometri di tracciato interrato, oggi la linea è lunga 12,2 chilometri, con 11 stazioni che si aggiungono alle 19 già esistenti per un totale di 30 stazioni, e la connessione con la M1 a Cinisello Monza per connettere luoghi densamente abitati, strategici dal punto di vista dell'imprenditoria e di grande attrazione, e nello stesso tempo collegare la rete metropolitana milanese direttamente ai nodi di interscambio con strade di grande viabilità automobilistica come la A4, la Rho-Monza e la Milano-Lecco dove sarà realizzato un parcheggio d'interscambio con 2.500 posti auto per intercettare il traffico privato. La velocità commerciale dei 32 treni che misureranno 50 metri sarà di 33 km/h. La M5 effettuerà servizio 365 giorni all'anno, con orario dalle ore 5.30 alle ore 24 e una frequenza nei giorni feriali di 3 minuti in ora di punta e di 4-6 minuti in ora di morbida.

(segue)