Mette in dubbio l'Olocausto, licenziato preside in Florida

webinfo@adnkronos.com

"Non posso dire se l'Olocausto è stato un effettivo fatto storico, non sono nella posizione di farlo in quanto impiegato pubblico". E' stata questa l'agghiacciante e incredibile risposta a costare il licenziamento al preside di una scuola della Florida, racconta oggi la Cnn. 

Le parole del preside, William Latson, sono contenute in una mail da lui inviata ad aprile a un genitore che chiedeva chiarimenti su come veniva insegnata a scuola la storia dello sterminio di sei milioni di ebrei da parte dei nazisti. "Non tutti credono che l'Olocausto sia avvenuto. Lei ha le sue idee, ma noi siamo una scuola pubblica e non tutti i genitori hanno le stesse convinzioni", aveva detto ancora Latson. Denunciata dal Palm Beach Post, la vicenda ha portato ora al licenziamento per "giusta causa" del preside negazionista. Il distretto scolastico della contea di Palm Beach ha approvato il provvedimento con cinque voti favorevoli e due contrari.  

"Ogni generazione deve riconoscere e imparare dalle atrocità delle incomprensibili sofferenze dell'Olocausto e dalla macchia indelebile che ha lasciato sulla storia dell'umanità", ha sottolineato il distretto scolastico. Latson, che può fare appello, è stato intanto mandato dal distretto in visita al Museo dell'Olocausto a Washington.