A mezzanotte in Austria scatta il lockdown per i non vaccinati

AGI - Adesso è ufficiale: dalla mezzanotte in Austria scatterà il lockdown per persone non vaccinate contro il Covid-19. Lo ha annunciato oggi il cancelliere Alexander Schallenberg (OeVP) dopo la videoconferenza con i governatori dei nove Laender.

Il lockdown per i 'no vax' interesserà circa due milioni di persone sulle oltre nove che vivono in Austria. Il blocco non riguarda le attività scolastiche. Il ministro della Sanità Wolfgang Muckstein (Verdi) non ha escluso ulteriori misure se l'escalation del contagio dovesse proseguire.

"L'Austria ha un tasso di vaccinazione vergognosamente basso, la situazione pandemica è grave e non stiamo facendo questo passo alla leggera ma purtroppo è necessario", ha detto Schallenberg.

Dalla mezzanotte dunque in tutti i Laender austriaci sarà valida la 'regola delle 2G' che riguarderà persone vaccinate o guarite nei sei mesi. Le persone non vaccinate potranno andare a lavorare, fare passeggiate e fare la spesa. Sono esclusi dal lockdown i bambini sotto i dodici anni. 

Chi non esibirà un certificato '2G', ovvero guarigione entro i sei mesi dal Covid-19 (genesen) o vaccinati (geimpft), potrà lasciare la propria casa solo per motivi che erano già noti dai precedenti tre lockdown: recarsi sul posto di lavoro, svolgere commissioni necessarie, svolgere attività motoria individuale e "soddisfare i bisogni religiosi fondamentali".

I singoli Laender potranno applicare misure più severe. Come indicato nel progetto del lockdown per i 'no vax', le restrizioni hanno lo scopo di "prevenire il crollo dell'apparato sanitario". La prima scadenza del lockdown per i 'no vax' sara' il 24 novembre ma poi dovrebbe essere prorogata. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli