I "mhackeroni" in Usa: raccolta fondi hacker italiani per Las Vegas -3-

Coa

Roma, 3 ago. (askanews) -

Il problema però è come finanziare il soggiorno americano. Solo gli studenti romani del gruppo - riferisce questa mattina il quotidiano la Repubblica - hanno avuto una donazione dal Dipartimento di ingegneria della Sapienza, quello da cui viene il cyber zar italiano, Roberto Baldoni. E pure il Politecnico di Milano ha aperto i cordoni della borsa. Aziende come Bvtech, Cisco e Rev.ng, i cui logo figurano sul sito web dei "mackeroni", hanno donato qualcosa. Bisogna incrementare il budget: al momento, la campagna online può contare su 90 donatori, 267 condivisioni e e 93 follower.