miart, a settembre attese 142 gallerie: un terzo internazionali

·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 giu. (askanews) - 142 gallerie, un terzo delle quali internazionali, hanno confermato la loro partecipazione alla venticinquesima edizione di miart, la fiera d'arte moderna e contemporanea di Milano organizzata da Fiera Milano e diretta per il primo anno da Nicola Ricciardi, prevista dal 17 al 19 settembre 2021.

Operanti in 20 Paesi oltre all'Italia (Austria, Belgio, Brasile, Cina, Cuba, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Perù, Polonia, Regno Unito, Romania, Russia, Slovacchia, Sudafrica, Svizzera, Stati Uniti d'America, Ungheria, Uruguay) e tradizionalmente divise in 5 sezioni - Established Contemporary, Established Masters, Emergent, Decades, Generations - le gallerie selezionate porteranno nei padiglioni di fieramilanocity - e parallelamente su una piattaforma digitale dedicata - opere di artisti contemporanei affermati, maestri moderni e giovani emergenti. Con un percorso ricco di dialoghi, scoperte e riscoperte dai primi del Novecento alle creazioni delle ultime generazioni, miart mantiene il suo carattere internazionale e continua a essere la fiera d'arte italiana con la più ampia offerta cronologica - elementi distintivi della sua proposta.

L'edizione 2021 accoglierà il ritorno di numerose gallerie internazionali che consolidano il loro rapporto con Milano - tra cui Clearing (New York, Bruxelles, Beverly Hills), Corvi-Mora (Londra), MLF | Marie-Laure Fleisch (Bruxelles), Peter Kilchmann (Zurigo), Lange + Pult (Zurigo, Auvernier), Lelong & Co. (Parigi, New York), Robilant+Voena (Londra, Milano, New York, Parigi), SMAC (Città del Capo, Johannesburg, Stellenbosch), Galerie Hubert Winter (Vienna) - insieme a nuove interessanti realtà che per la prima volta hanno scelto miart come palcoscenico in Italia, come Piero Atchugarry Gallery (Miami, Garzón), Charim Galerie (Vienna), Edouard Simoens Gallery (Knokke) e QG Gallery (Knokke), tra gli altri.

Confermano il loro legame con la fiera anche molte delle più importanti gallerie contemporanee italiane, tra cui Galleria Continua (San Gimignano, Pechino, Les Moulins, L'Avana, Roma, San Paolo, Parigi), Raffaella Cortese (Milano), Monica De Cardenas (Milano, Zuoz, Lugano), kaufmann repetto (Milano, New York), Francesca Minini (Milano), Massimo Minini (Brescia), Franco Noero (Torino), P420 (Bologna), Lia Rumma (Milano, Napoli), Schiavo Zoppelli (Milano), Vistamare | Vistamarestudio (Pescara, Milano), ZERO... (Milano).

Inoltre, un'importante selezione di gallerie attive nella promozione di arte moderna e del dopoguerra comprenderà Cardelli & Fontana (Sarzana), Cardi(Milano, Londra), Cortesi (Lugano, Milano), Frediano Farsetti (Milano), Frittelli (Firenze), Galleria d'Arte Maggiore G.A.M. (Bologna, Parigi, Milano), Mazzoleni (Londra, Torino), Montrasio (Milano, Monza), Repetto Gallery (Londra), Gian Enzo Sperone (Sent, New York), Tornabuoni Arte (Firenze, Milano, Forte dei Marmi, Crans Montana, Parigi) e molti altri.

In omaggio alla storia e alla tradizione milanese non mancherà poi il design d'autore, attraverso il lavoro e la ricerca di alcune delle più prestigiose realtà cittadine attive in questo campo come Galleria Luisa delle Piane (Milano), Galleria Rossella Colombari (Milano) e Nilufar (Milano).

Tra le sezioni curate della fiera, Decades - a cura di Alberto Salvadori - esplorerà la storia del XX secolo attraverso stand monografici o tematici che presenteranno momenti chiave di un decennio specifico, dal 1910 al 2010.

Particolare attenzione sarà riservata anche a una nuova generazione di galleristi grazie a una rinnovata sezione Emergent, curata da Attilia Fattori Franchini, che includerà espositori provenienti da 13 diversi Paesi: Austria, Georgia, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Perù, Romania, Russia, Stati Uniti, Slovacchia, Svizzera e Ungheria.

Infine, ancora una volta, coppie di gallerie saranno chiamate a mettere in scena incontri e confronti tra artisti di diverse generazioni all'interno della sezione Generations.

miart 2021 prende ispirazione e titolo dalla prima raccolta integrale del poeta statunitense di origine serba Charles Simic, Dismantling the silence, pubblicata nel 1971, e presterà particolare attenzione alla poesia per valorizzare nuovi dialoghi tra passato e presente, storia e sperimentazione, e promuovere lo sbocciare di nuove forme di comunicazione in un mondo dell'arte nel pieno di un profondo cambiamento.

Il progetto editoriale And Flowers / Words espande questa ricerca attraverso conversazioni settimanali online tra il Direttore Artistico Nicola Ricciardi e importanti personalità della cultura italiana che condividono l'interesse per la parola scritta o parlata, come: Luca Cerizza, critico e curatore; Chiara Costa, Responsabile dei Programmi della Fondazione Prada; Moira Egan, poetessa e traduttrice; Massimiliano Gioni, Direttore Artistico, Fondazione Nicola Trussardi e New Museum (NY); Lorenzo Giusti, Direttore, GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo; Mariangela Gualtieri, poetessa; Luca Lo Pinto, Direttore Artistico, MACRO - Museo d'Arte Contemporanea di Roma; Cristiana Perrella, Direttrice, Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato; Sergio Ricciardone, Direttore Artistico, Club to Club; Emanuele Trevi, critico letterario e scrittore.

Nuove partnership e connessioni prenderanno forma durante la Milano Art Week (13-19 settembre), il ricco calendario di inaugurazioni e progetti speciali organizzato congiuntamente da miart e Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, che riunisce le principali istituzioni pubbliche e fondazioni private della città. Il programma completo di tutti gli eventi che si svolgeranno sarà presentato nel mese di luglio 2021.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli