Miccio (Emergency): "Profughi di serie A e di serie B, non ci sono solo gli ucraini"

(Adnkronos) - "La migrazione è un fenomeno che va gestito non rinnegato, purtroppo constatiamo che nella pratica ci sono profughi di serie A e di serie B". E' quanto afferma Rossella Miccio, presidente di Emergency, intervistata dall'Adnkronos in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, che si celebra il 20 giugno. Una giornata "simbolo", secondo Miccio, che deve contribuire ad aprire una riflessione, perché "oggi abbiamo tutti gli strumenti per essere una società accogliente, lo stiamo dimostrando con chi scappa dall'Ucraina, sarebbe giusto che facessimo altrettanto con chi è in fuga nel resto del mondo, cominciando anche a scegliere politiche internazionali che mirino davvero alla costruzione e al mantenimento della pace e non a quelli conflitti armati".

"Siamo assolutamente contenti che l’Europa si sia dimostrata così generosa verso i cittadini ucraini che stanno scappando da una guerra terribile: ben vengano le porte aperte, le facilitazioni e tutte le possibilità di accoglienza formale ed informale che sono state messe in pratica per aiutare oltre 7 milioni di ucraini che hanno lasciato il loro Paese di cui circa 130.000 arrivati in Italia. Un approccio - argomenta la presidente di Emergency - che dovrebbe essere normalità anche per tutti gli altri che fuggono da guerre e persecuzioni, indipendentemente dal loro paese di origine, ma purtroppo nella realtà questo non avviene. Anzi, nonostante i numeri di coloro che arrivano via mare o via terra siano di gran lunga inferiori rispetto agli ucraini giunti in Italia, si continua a parlare di situazione emergenziale, ingestibile, di assenza di risorse. Direi dunque che sì, nella pratica esistono tra profughi di serie A e di serie B".

"Il diritto d’asilo è una conquista della società moderna che non dovrebbe mai essere strumentalizzato per scopi politici. La nostra Costituzione - rammenta Miccio - lo garantisce e va ricordato che è un diritto individuale, non dipende dal Paese che si lascia ma dalla situazione da cui si sta scappando: tutte i profughi che arrivano da noi dovrebbero avere come minimo la possibilità che il loro percorso di vita venga preso in esame e nel frattempo essere accolti in maniera decorosa. Ciò, tuttavia, nel nostro Paese non succede ormai da tanti anni". La bussola dei diritti "è tenere più in considerazione la vita delle persone, ricordarci di essere nati uguali in dignità e diritti".

"Nonostante la pandemia ci abbia insegnato che prendendosi cura di tutti si può vivere meglio insieme, la diseguaglianza all’acceso alle cure è ancora molto forte", prosegue Miccio che, citando l'articolo 32 della Costituzione, parla del diritto alla salute di ciascun individuo anch'esso spesso "disatteso" in tanti modi, "per problemi burocratici, per ostacoli linguistici, per volontà politica. In più nel nostro Paese l'avere 20 sistemi sanitari regionali diversi l'uno dall'altro non fa altro che rendere ancora più farraginoso l'accesso alla cura. Noi di Emergency lo sappiamo bene perché in campo italiano ci siamo dal 2006".

"La teoria c'è, è la pratica che manca. Ad esempio, la legge Zampa garantisce a tutti i minori presenti in Italia, stranieri e non, di avere un pediatra di libera scelta, indipendentemente dal fatto che i genitori siano regolari e irregolari, ma ancora nelle regioni ciascuno fa a modo suo. E' solo una questione di volontà politica applicare le leggi che ci sono".(di Sibilla Bertollini)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli