Michael Caine ha finalmente svelato il mistero del finale di 'Inception'

Huffington Post

Correva l'anno 2010, quando il regista Christopher Nolan regalò al pubblico Inception, film complesso il cui finale aperto ha lasciato nel dubbio gli spettatori di tutto il mondo. Oggi a fare chiarezza sulle immagini di chiusura giunge uno dei protagonisti: l'attore Michael Caine.

Nella pellicola, vediamo un ladro (interpretato da Leonardo DiCaprio) che, grazie a una particolare tecnologia, può entrare nei sogni degli individui e carpire informazioni, oppure inserire idee che influenzino l'agire della vittima. Alla fine del film, dopo avere attraversato molti livelli onirici, non è chiaro se il protagonista sia tornato nella realtà oppure sia rimasto intrappolato in un sogno.

Nel 2015, Nolan aveva parlato della scena finale in questi termini:

Nella parte finale del film, vediamo Cobb, il personaggio interpretato da Leonardo DiCaprio, riabbracciare i suoi figli. Questo, perlomeno, accade nella sua realtà soggettiva. Non gliene importa più di nulla, e questo ci fa capire una cosa: forse, tutti i livelli di realtà sono validi. La telecamera inquadra la trottola un attimo prima di vacillare, poi appare il nero.

Oggi Michael Caine spiega con maggiore chiarezza le intenzioni di Nolan e, introducendo la proiezione di Inception organizzata durante la rassegna londinese Film4, ha ammesso di essere rimasto spiazzato alla stessa maniera del pubblico quando aveva letto per la prima volta la sceneggiatura. Così, chiedendo spiegazioni direttamente a Christopher Nolan, Caine aveva scoperto che solo se il suo personaggio fosse stato in scena allora si sarebbe trattato del mondo reale.

Christopher mi ha detto: "Se tu sei in scena allora stiamo assistendo alla realtà. Altrimenti siamo all'interno di un sogno".

Quando il personaggio interpretato da DiCaprio riesce a tornare negli Stati Uniti e a riabbracciare i suoi figli e il padre (Michael Caine), non capendo se si tratti di realtà o sogno, fa girare una piccola trottola. Se si trattasse del mondo reale, il giochino di legno dovrebbe man mano perdere carica, fermandosi per le leggi della fisica. Ma il film si chiude sulla trottola che ancora gira, lasciando in sospeso la domanda più importante. Dato però che il personaggio interpretato da Michael Caine è presente, deduciamo che il finale si svolga nel mondo reale, come Nolan aveva spiegato all'attore.

Continua a leggere su HuffPost