Michele Cannistraro ha vinto Masterchef All Star

Nicoletta Moncalero

È il "cannibale", Michele Cannistraro il vincitore della prima edizione di Masterchef All Star. "Non ci credo" dice lui per primo. E non ci credevano in tanti. Tanto che i fan del cooking show già commentavano allibiti la sua presenza in finale a scapito di Maradona e Danny. "Che rivincita - commenta -. Ci ho messo tanto del mio, il cuore, la passione, la tenacia. Ci ho messo tutto. Mio padre sarebbe stato molto orgoglioso di me".

Quarant'anni, ex capocantiere dalla provincia di Milano, aveva partecipato alla terza edizione di Masterchef e si era classificato all'ottavo posto. A Masterchef All Star invece ha battuto in finale Rubina Rovini e Simone Finetti. Il suo menù è quello che più ha convinto i giudici. Lo si è capito dal primo piatto in avanti. Meno brillanti le scelte invece degli altri due concorrenti, anche se dalle ultime due due puntate la strada di Rubina e Simone era sembrata molto più luminosa.

Sul fronte giudici, basta la prima prova invece, la Mistery Box, a incoronare Giorgio Locatelli, che da giovedì prossimo sarà a fianco di Barbieri, Cannavacciolo e Bastianich nel Masterchef classico. Prima, ecco cosa è successo nella finale di Masterchef All Stars.


Le ultime cinque stelle Michele, Rubina, Simone, Maradona e Danny si presentano dietro le Mistery Box. Davanti a Barbieri e Cannavacciuolo per dimostrare di essere i migliori. Ma anche di fronte al nuovo giudice di Masterchef, Giorgio Locatelli. Che come dice Danny "rappresenta la cucina italiana a Londra". Dentro la scatola misteriosa ci sono sei ingredienti da cucinare con sei metodi di cottura diversi. Dalla patata all'uovo, poi cervello, cioccolato fondente, carciofo e gambero di Mazara del Vallo. Per fortuna è una gara che non prevede un'eliminazione. Solo tre piatti all'assaggio per...

Continua a leggere su HuffPost