Make Me – Michele Collini: “Sulle questioni del lavoro e della crescita del Paese si è distratta una larga parte della politica”

featured 1634365
featured 1634365

(Adnkronos) – L’attuale situazione occupazionale presenta delle emergenze assolute che il nuovo Governo dovrà immediatamente affrontare

Roma, 1 agosto 2022. Michele Collini, Amministratore Delegato di Tener-a-mente Srl SB (società che detiene il progetto Make Me) ricorda che tra le tante priorità che il nuovo Governo dovrà immediatamente affrontare è il lavoro. L’attuale situazione occupazionale presenta delle emergenze assolute.

“Per quanto ci riguarda – spiega Collini – l’obiettivo è creare un’opportunità di lavoro, anche con un grande piano d'inclusione per i giovani, perché è il lavoro il vero elemento di coesione nazionale, non a caso richiamato nel primo articolo della Costituzione. La questione non è votare destra o sinistra”, sottolinea Collini. “Il punto di partenza, ripetiamo, è quali obiettivi ci diamo, quale idea di società vogliamo realizzare, quali risultati vogliamo conseguire tenendo presente che siamo la seconda manifattura d'Europa e che dobbiamo stare molto attenti a non diventare la terza. Crescita e lavoro devono essere al centro di qualsiasi progetto politico”.

Make Me è la prima piattaforma di job matching basata sull’Intelligenza Artificiale, nata con l’obiettivo di migliorare il mercato del recruiting abbattendo tutte quelle barriere oggi presenti che ne ostacolano efficacia ed efficienza.

“Per pianificare gli interventi necessari è quanto mai opportuno partire dalle criticità emerse nella gestione di questo lungo periodo di pandemia, intervenendo con riforme di sistema anche tramite i fondi che saranno assegnati al Recovery Plan”, commenta Rita Farnitano, responsabile delle Pubbliche Relazioni del progetto Make Me.

Make Me, grazie ad un sistema smart di job matching aiuta tutti gli utenti, cittadini ed aziende, a trovare più opportunità, sempre concrete e pertinenti; uno strumento necessario agli interventi di sistema, utile non solo ad avere risultati immediati, ma anche ad essere fondamenta per il rilancio futuro del Paese.

“Non si può prescindere da una profonda rivisitazione del sistema delle politiche attive del lavoro, che in questi anni ha mostrato tutti i limiti strutturali di cui soffre”, continua Michele Collini. “Vanno, infatti, riorganizzati i Servizi per il Lavoro, in modo da renderli funzionali all’attuale situazione. Ed è diventato indispensabile virare sulla telematica al servizio della diffusione territoriale dei punti di contatto tra i cittadini in cerca di occupazione e le agenzie per il lavoro. Modalità, questa, che non potrà che far decollare anche l’altra parte delle politiche attive, quella cioè legata alla formazione e riqualificazione del lavoratore che ha perso occupazione. Per questo Make Me è un investimento già pronto ed efficace. Abbiamo aperto canali e trattative per sviluppare Make Me in Puglia, Campania, Sicilia, Calabria e Lazio – sottolinea Collini – senza dimenticare la nostra base operativa in Lombardia. Siamo presenti già quindi in sei regioni d’Italia ed abbiamo l’obiettivo di crescere. In sostanza, Make Me potrebbe essere la prima piattaforma di job matching a rivoluzionare con estrema semplicità il mercato del lavoro; perché non renderla uno strumento di pubblica governativa e di pubblica utilità?”

Contatti:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli