Michele Merlo: il commosso ricordo del suo paese d’origine

·1 minuto per la lettura
Michele Merlo morto
Michele Merlo morto

Mentre la procura di Bologna indaga con l’ipotesi di omicidio colposo a carico di ignoti sulla morte di Michele Merlo, a Rosà, paese natale del cantante, il grande striscione bianco con la scritta “Forza Michele” è stato sostituito da un altro con la scritta “Ciao Michele”. Gli abitanti del piccolo comune in provincia di Vicenza stanno vivendo con immenso rispetto il dolore per la scomparsa del loro concittadino, venuto a mancare per una leucemia fulminante a soli 28 anni.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Michele Merlo: lo striscione dei suoi concittadini

Alla periferia ovest di Rosà, in un piccolo borgo di nome Ponte Paoletti, Michele Merlo ha vissuto i momenti più belli della sua infanzia. Ora tutti sono straziati dal vuoto lasciato dalla sua scomparsa, mentre i suoi famigliari vogliono far luce sul pronto soccorso di Vergato, dove non si sarebbero resi conto della gravità dei sintomi mostrati dal ragazzo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

I sintomi sofferti da Michele, tra cui febbre alta, forte mal di testa ed ematomi sul corpo, erano stati scambiati per una laringite. Per questo il cantante venne rimandato a casa, per poi essere ricoverato e operato d’urgenza il giorno seguente a seguito di un’emorragia cerebrale. Toccante è anche il ricordo sui social della fidanzata Luna Shirin Rasia, che ha sottolineato i “momenti di amore puro” passati con l’ex allievo di Amici di Maria De Filippi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli