Michele Merlo, lo sfogo del padre: “Terapia sbagliata, medico non professionale”

·1 minuto per la lettura
michele merlo
michele merlo

La tragica scomparsa di Michele Merlo ha ovviamente gettato tutti nella desolazione più assoluta. Alla tristezza della notizia si aggiunge il fatto che nonostante gli evidenti segnali di malessere, quali febbre alta, placche, mal di testa ed ematomi, un medico avrebbe consigliato al giovane artista di non intasare il pronto soccorso. Il papà dell’ex protagonista di Amici si è così sfogato parlando di un dottore “non professionale”, che avrebbe commesso errori forse fatali.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Lo sfogo del papà di Michele Merlo

“Lamentava sintomi che un medico accorto avrebbe colto. Aveva una forte emicrania da giorni, dolori al collo e placche in gola, un segnale tipico della leucemia. Se l’avessero visitato, avrebbero visto che aveva anche degli ematomi”. Così ha dunque raccontato il genitore, precisando di non aver avuto un referto medico ma solo braccialetto col codice a barre e un audio del figlio che si diceva arrabbiato per il trattamento ricevuto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il papà di Michele Merlo ha anche sottolineato che la terapia iniziale fosse sbagliata. “Il primo soccorso è stato condizionato da un medico non proprio professionale, che non può fare quel tipo di interventi […]. Non voglio puntare il dito contro nessuno. Mi interessa che certi errori non si debbano ripetere […]. Che chi ha sbagliato così oggi non sbagli domani”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli