Michele Merlo, lo strazio del padre: "Non ho più motivo per vivere"

·1 minuto per la lettura
Michele Merlo
Michele Merlo

Il papà di Michele Merlo non si da pace per la morte del suo ragazzo, deceduto a soli 28 anni a causa di una leucemia fulminante che non gli ha lasciato scampo.

Michele Merlo: lo sfogo del padre

Il padre di Michele Merlo ha espresso ancora una volta tutto il suo dolore per la morte di suo figlio, stroncato a 28 anni da un’emorragia cerebrale causata da una leucemia fulminante. La morte di Michele è giunta improvvisa dopo alcuni giorni di malessere che, lo stesso cantante, aveva enunciato in pronto soccorso. “Lui era il nostro unico figlio e per me e mia moglie adesso non c’è più un motivo per vivere. Non avrei mai immaginato di dover sostenere con lei una “prova così tremenda”, ha dichiarato Domenico Merlo, che da oltre 20 giorni insieme alla mamma del cantante, Katia, non riesce a darsi pace.

Michele Merlo: la denuncia della famiglia

I familiari del cantante hanno voluto vederci chiaro nella sua tragica e prematura fine e per questo hanno chiesto alla procura di Bologna di aprire un’inchiesta verso il nosocomio a cui il cantante si era presentato alcuni giorni prima di morire, presentando alcuni sintomi (come mal di testa, sanguinamento dal naso, emicrania).

Michele Merlo: la solidarietà

In tanti tra fan, amici e colleghi del cantante hanno espresso la loro solidarietà ai suoi genitori. Tra questi anche Emma Marrone, che ha presenziato ai funerali di Michele a Bologna. Il padre del cantante ha espresso la sua gratitudine verso le numerose manifestazioni d’affetto verso suo figlio: “Mi hanno toccato anche le parole di Emma, la sua insegnante di Amici, che è stata come una sorella: ‘Il mio cuore si è spezzato in mille pezzi’, ha detto. E poi, gli ha teneramente portato un mazzo di rose alla camera ardente. Mio figlio mancherà a tutti”, ha ammesso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli