Michele Merlo non ce l’ha fatta: il ricordo di Maria De Filippi

·2 minuto per la lettura

È un toccante messaggio d’addio quello che Maria De Filippi e tutta la squadra di “Amici” hanno dedicato a Michele Merlo, il cantante stroncato da un’emorragia cerebrale causata da una leucemia fulminante.

Michele, 28 anni, ha partecipato al talent show nel 2017 con lo pseudonimo di Mike Bird. In quello stesso anno a trionfare era stato il ballerino Andreas Muller, che sui social ha espresso tutto il suo dolore. “Oggi non riesco a trovare un lieto fine, un messaggio positivo o ad augurarti buon viaggio. Non volevo proprio scrivere nulla perché non è facile… Tanta forza per la famiglia. ti abbraccio Mike ovunque tu sia", ha postato su Instagram il “compagno di scuola” di Merlo.

SFOGLIA ANCHE: Da Emma a Ramazzotti, l'addio dei vip a Michele Merlo - FOTO

A omaggiare il 28enne e la sua profondità d’animo anche la padrona di casa, Maria De Filippi e lo staff di Amici. “Profondo, malinconico nello sguardo e solare nel sorriso”, inizia così il ricordo del cantante, scomparso prematuramente.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La tua era una malinconia speciale, che lottava ogni secondo con quel sorriso che diceva l’esatto contrario. A volte prevaleva una cosa, a volte l’opposto. Tu eri entrambe le cose. E quando cantavi, quando eri al centro del palco a fare quello che ti piaceva di più al mondo, il tuo modo di essere prendeva il sopravvento e ti faceva mostrare al mondo senza filtri, senza paure. Eri Mike Bird e stavi cantando. Eri nel tuo elemento naturale, la valvola di sfogo per i tuoi pensieri profondi che ti esplodevano in petto e che avevi tanta voglia di condividere con il mondo”.

GUARDA ANCHE: Amici, Michele Merlo si è spento: 'Scriverò un pezzo per lui'. Il ricordo del suo amico Aka7even

Lo staff di “Amici” ha poi ricordato il segreto del suo successo, una spiccata sensibilità: “Eri un ragazzo speciale e lo avevamo capito tutti. Avevi un’intensità unica, una capacità di guardarti dentro fin troppo spiccata che a volte ti faceva arrovellare attorno agli umori e alle sensazioni. Baudelaire diceva che ‘la sensibilità di ognuno è il suo genio’, la tua era tanta, Mike. Ed è quella sensibilità, quella profondità d’animo e di pensiero, quella capacità di scavare negli abissi dell’animo umano che ci porteremo dentro per sempre. Fa’ buon viaggio. Maria e la redazione di Amici”.