Michelle Bachelet, Alto Commissario Onu per i diritti umani: "4.481 vittime civili in Ucraina "

Severodonetsk sotto assedio: i russi sono entrati nel perimetro della fabbrica chimica Azot, dove sono asserragliati gli ultimi difensori della città ucraina.

Il rischio è che si trasformi in una nuova Mariupol.

Dati angoscianti

Secondo Michelle Bachelet (70 anni), ex presidente del Cile e attuale Alto Commissario Onu per i diritti umani, "tra febbraio e aprile Mariupol è stata la trappola mortale dell'Ucraina".

La sua dichiarazione al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, a Ginevra (Svizzera).

"Ad oggi, l'Alto Commissariato per i diritti umani (OHCHR) ha verificato 1.348 morti civili nelle ostilità a Mariupol, tra cui 70 bambini. Queste morti sono state causate da attacchi aerei, bombardamenti di carri armati e artiglieria, armi leggere e di piccolo calibro, durante gli scontri di strada. Il bilancio reale delle ostilità sui civili è probabilmente più alto di migliaia di vittime", ha dichiarato Michelle Bachelet.

E i dati sulle vittime in Ucraina sono ancor più angoscianti: 4.481 civili e 5.565 feriti. 
Secondo l'ultimo aggiornamento, le vittime includono 1.739 uomini, 1.159 donne, 284 ragazzi e bambini, oltre a 1.299 adulti il cui sesso non è ancora stato riconosciuto.

In attesa di recarsi a Mariupol

Gli osservatori delle Nazioni Unite non hanno ancora potuto recarsi a Mariupol a causa della situazione di generale insicurezza, ma hanno raccolto informazioni da ucraini che hanno lasciato la città e da immagini satellitari.

"Molti sono stati uccisi dai bombardamenti, mentre altri sono bruciati o soffocati in incendi che non è stato possibile spegnere a causa della mancanza di servizi antincendio disponibili", continua Michelle Bachelet.
"Per la scarsità di acqua potabile, la gente ha intrapreso lunghi e pericolosi viaggi verso i pozzi o i serbatoi aperti per procurarsi l'acqua. Altri sono stati costretti a sciogliere la neve o a bere l'acqua estratta dalle auto o da altre attrezzature".

114 giorni di guerra

Dopo tre mesi di battaglia, le forze russe hanno preso ora il controllo di Mariupol.
MIchelle Bachelet afferma che le condizioni della città sono terribili. I residenti hanno un accesso limitato alle cure mediche e ad altri servizi di base e non possono uscire e rientrare liberamente da casa.
Gli orrori di questi mesi lasceranno un segno indelebile nelle generazioni a venire.

E dopo 114 giorni, la guerra, soprattutto nella provincia di Lugansk, non si ferma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli