Microplastiche in acqua da bere, "urgente saperne di più"

webinfo@adnkronos.com

Ai livelli attuali, e sulla base delle informazioni disponibili, le microplastiche nell'acqua potabile non sembrano rappresentare un rischio per la salute. Ma dobbiamo saperne di più. Il messaggio arriva dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che, a seguito della pubblicazione di un'analisi delle ricerche attuali relative alle microplastiche nell'acqua potabile, chiede "un'ulteriore valutazione delle microplastiche nell'ambiente e dei loro potenziali impatti sulla salute umana".  

L'Organizzazione chiede, inoltre, "una riduzione dell'inquinamento da plastica a beneficio dell'ambiente e per ridurre l'esposizione dell'uomo". 

"Abbiamo urgentemente bisogno di saperne di più sull'impatto sulla salute delle microplastiche perché sono ovunque, anche nella nostra acqua potabile", afferma Maria Neira, direttore del Dipartimento sanità pubblica, ambiente e determinanti sociali della salute dell'Oms.  

"In base alle informazioni limitate che abbiamo, le microplastiche nell'acqua potabile non sembrano rappresentare un rischio per la salute ai livelli attuali. Ma dobbiamo saperne di più. Dobbiamo anche fermare l'aumento dell'inquinamento da plastica in tutto il mondo", aggiunge.  

"Secondo l'analisi - si legge in una nota dell'Oms - che riassume le ultime conoscenze sulle microplastiche nell'acqua potabile, è improbabile che le microplastiche superiori a 150 micrometri vengano assorbite nel corpo umano e l'assorbimento di particelle più piccole dovrebbe essere limitato. L'assorbimento e la distribuzione di particelle microplastiche molto piccole, comprese quelle di dimensioni nano, possono tuttavia essere più elevate, sebbene i dati siano estremamente limitati. Sono necessarie ulteriori ricerche per ottenere una valutazione più accurata dell'esposizione alle microplastiche e dei loro potenziali impatti sulla salute umana".  

L'Oms ricorda che "i sistemi di trattamento delle acque reflue e delle acque potabili che trattano il contenuto fecale e i prodotti chimici sono efficaci anche nella rimozione delle microplastiche" ma "una parte significativa della popolazione mondiale attualmente non beneficia di un adeguato trattamento delle acque".