Miele, antibatterico naturale e alleato contro malanni stagione -2-

Red/Apa

Roma, 30 ott. (askanews) - Il miele, prosegue Migliaccio, "contiene circa il 70-80 % di zuccheri semplici, rappresentati in massima parte da fruttosio e glucosio a differenza dello zucchero che contiene saccarosio. Il fruttosio ha un potere dolcificante maggiore che comporta l'assunzione di quantità inferiori rispetto allo zucchero. Inoltre il miele ha un indice glicemico inferiore allo zucchero e questo lo rende preferibile per i diabetici piuttosto che lo zucchero.

Miele d'arancio, d'acacia, millefiori, d'eucalipto, di sulla e tanti altri. Esistono diverse varietà di miele, espressione del territorio, ricordo di una fioritura: ogni miele ha un profumo e un sapore che lo caratterizza. Oggi secondo i dati diffusi dal Gruppo Miele di Unione Italiana Food ne consumiamo 0,5 kg pro capite, decisamente meno rispetto alla media europea. Il ciclo di produzione del miele è a metà tra la magia e il romanticismo: assistere alla raccolta del nettare e alla sua trasformazione è affascinante quanto scoprirne i tanti usi nella nostra quotidianità.

Consiglio utile per la scelta del miele è una corretta lettura dell'etichetta. Il gruppo Miele di Unione Italiana Food sottolinea come, sul fronte dei controlli, l'Italia spicchi per requisiti e garanzie di legge sul resto del Mondo. La legislazione italiana obbliga infatti le aziende che operano sul territorio nazionale nel confezionamento del miele, ad indicare sempre in etichetta tutti i paesi di origine dei mieli che compongono le miscele, diversamente dalle miscele di mieli confezionati all'Estero che riportano informazioni più generiche.