Mieloma multiplo, significativi benefici da Daratumumab

·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Janssen, azienda farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson, ha presentato all'European Hematology Association (EHA) i dati dello studio MAIA di fase 3. Lo studio ha dimostrato che l'aggiunta di daratumumab a lenalidomide e desametasone (D-Rd) ha portato benefici maggiori, e statisticamente significativi, in termini di sopravvivenza globale (OS) rispetto alla sola terapia con lenalidomide e desametasone (Rd) in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi (NDMM) non candidabili a trapianto autologo di cellule staminali (ASCT) e trattati fino alla progressione della malattia. L'analisi ad interim pre-specificata per la OS ha mostrato, dopo un follow-up mediano di quasi cinque anni (56,2 mesi), una riduzione del 32 per cento del rischio di morte nel braccio D-Rd rispetto al braccio Rd.

"Il trattamento del mieloma multiplo diventa sempre piu' complesso ad ogni ricaduta. E' fondamentale, percio', cercare di ottenere un trattamento piu' efficace e una migliore sopravvivenza con la terapia di prima linea - afferma Thierry Facon, Professor of Haematology at Lille University Hospital, Lille, France and study investigator -. I risultati di questo studio sostengono il trattamento in prima linea con daratumumab come un nuovo standard in grado di allungare la sopravvivenza e migliorare gli esiti clinici nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non idonei al trapianto".

(ITALPRESS).

fsc/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli