Migliaia di persone per l'accensione di Spelacchio, Raggi: "Sarà acceso 24 ore su 24"

HuffPost
spelacchio

Decine di migliaia di persone stanno assistendo a Piazza Venezia alla cerimonia organizzata dal Campidoglio per l’accensione del tradizionale abete di Natale.
Anche quest’anno è stato il colosso dell’intrattenimento Netflix a curare l’allestimento dell’albero di Natale, addobbato con 1.000 tra palle colorate e fiocchi di neve luminosi. L’abete è stato nuovamente soprannominato ‘Spelacchio’, in ricordo del primo allestito durante la giunta di Virginia Raggi e che iniziò subito a perdere buona parte del fogliame diventando un caso. Dietro all’albero di quest’anno c’è una casetta di Babbo Natale dove i bambini potranno lasciare le loro letterine. “Finalmente siamo qui ad accendere
Spelacchio, l’albero più famoso del mondo. Sarà acceso 24 ore al giorno fino al 6 gennaio”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi inaugurando l’albero di Natale di Roma che si è acceso tra gli applausi.

Ad aprire la cerimonia le voci del coro giovanile del Teatro dell’Opera, accompagnato da qualche fischio tra la folla per la durata ritenuta eccessiva dell’esibizione. Lungo via del Corso invece da questa sera sono accese le luminarie finanziate da Acea. “Siamo qui per accendere Spelacchio, l’albero più famoso e simpatico del mondo, quest’anno ci sarà anche una novità, con la possibilità di imbucare le lettere”, ha detto il sindaco Virginia Raggi.

All’evento erano presenti decine e decine di bambini delle scuole di Roma, provenienti da varie zone della città. Da domani e fino al 6 gennaio tutti i cittadini romani e i turisti avranno la possibilità di visitare l’albero e di essere partecipi della magia di Natale creata intorno a Spelacchio nel centro di Roma. Il sindaco ha sottolineato che piazza Venezia sarà “il cuore pulsante del Natale in città, un luogo in cui tutti potremo vivere insieme la magia delle feste. Invito tutti i cittadini a venire a vedere l’albero e soprattutto a portare i bambini che troveranno tante...

Continua a leggere su HuffPost