Migliaia di preti cattolici pedofili in Francia dal 1950 ad oggi

·1 minuto per la lettura

AGI - Migliaia di pedofili operano all'interno della Chiesa cattolica francese dal 1950, lo ha detto Jean-Marc Sauve, capo di una commissione indipendente che indaga sullo scandalo subito prima della pubblicazione del suo rapporto. 

L'inchiesta della commissione ha scoperto tra 2.900 e 3.200 preti pedofili o altri membri della chiesa, ha detto Sauve, aggiungendo che si tratta di "una stima minima".

Il rapporto della commissione sarà pubblicato martedì dopo due anni e mezzo di ricerche basate sugli archivi della chiesa, dei tribunali e della polizia, così come le interviste con i testimoni. 

Un rapporto di 2.500 pagine

Il rapporto, che secondo Sauve consta di 2.500 pagine, cercherà di quantificare sia il numero dei pedofili che quello delle loro vittime. Esaminerà anche "i meccanismi, in particolare istituzionali e culturali" all'interno della Chiesa che hanno permesso ai pedofili di rimanere, e offrirà 45 raccomandazioni.

La commissione indipendente è stata istituita nel 2018 dalla Chiesa cattolica francese in risposta a una serie di scandali che hanno scosso la Chiesa in Francia e nel mondo. 

La sua formazione è arrivata anche dopo che Papa Francesco ha approvato una misura storica che obbliga coloro che sanno degli abusi sessuali nella Chiesa cattolica a segnalarli ai loro superiori.

Una commissione di 22 persone

Composta da 22 professionisti legali, medici, storici, sociologi e teologi, il suo compito era quello di indagare sulle accuse di abusi sessuali su minori da parte di chierici che risalgono agli anni '50. 

Quando ha iniziato il suo lavoro, la commissione ha richiesto le dichiarazioni dei testimoni e ha istituito una linea telefonica diretta. Nei mesi successivi ha ricevuto migliaia di segnalazioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli