Migrante morto, Gabrielli: in questa Paese serve più rispetto

Fdm

Pordenone, 23 gen. (askanews) - "In queste ore ci sono state delle affermazioni gravissime: dire che questa persona è morta per le percosse subite quando c'è un'indagine in corso e deve ancora essere effettuata l'autopsia è a dir poco ardito". Lo ha dichiarato, a margine di un convegno a Pordenone, il Capo della Polizia Franco Gabrielli, riferendosi al migrante georgiano morto sabato scorso presso il Cpr di Gradisca (Gorizia). "Credo che in questo Paese ci voglia un pò più di rispetto".