Migranti, Austria: lavoriamo a centri d'accoglienza fuori dall'Ue

Coa

Roma, 13 giu. (askanews) - L'Austria sta lavorando con un piccolo gruppo di Stati dell'Unione europea sulla creazione di centri d'accoglienza per migranti al di fuori dell'Ue, in modo da "ospitare e fornire protezione, ma non una vita migliore": lo ha dichiarato ieri sera il cancelliere Sebastian Kurz.

Interrogato dalla televisione pubblica ORF sull'esistenza di un simile progetto, il capo del governo ha confermato che "sono in corso tentativi per creare centri di protezione al di fuori dell'Europa in cui si possono accogliere i rifugiati, offrire una protezione ma non una vita migliore nell'Europa centrale".

Kurz, conservatore che governa in Austria con l'estrema destra, non ha specificato a chi sarebbero destinati questi centri, ma il suo omologo danese Lars Lokke Rasmusen ha detto la scorsa settimana che sta discutendo con alcuni paesi, tra cui l'Austria, per la creazione di "centri comuni" per i migranti che non possono chiedere asilo nell'Ue o che non hanno avuto successo nella loro richiesta. "Questo è un progetto a cui stiamo lavorando con un piccolo numero di Stati in modo molto confidenziale (...) per aumentarne la fattibilità", ha aggiunto Kurz a ORF.

Tra i paesi che potrebbero ospitare questi centri ci sarebbe l'Albania, il cui nome è stato avanzato nei giorni scorsi dalla stampa austriaca. "Vedremo", ha risposto ieri sera il cancelliere, senza sbilanciarsi.

(fonte afp)