Migranti, barca rischia di affondare: salvati in 20

migranti salvati

Ennesimo salvataggio in mare al largo delle coste siciliane. Una piccola imbarcazione con a bordo una ventina di migranti ha infatti rischiato di colare a picco nel pomeriggio di sabato dopo aver iniziato ad imbarcare acqua. È stata soccorsa dagli uomini della Guardia Costiera, poco lontano dalla costa di Agrigento. Tra le persone a bordo, pare ci fosse anche una donna incinta, la quale, come tutti gli altri passeggeri, è stata trasbordata sulla motovedetta Cp 700 per raggiungere la banchina di Porto Empedocle dove tutti sono poi sbarcati.

LEGGI ANCHE: Open Arms a Lampedusa, disposto il sequestro e l'evacuazione

Migranti, barca rischia di affondare

Tragedia sfiorata al largo delle coste agrigentine, in Sicilia, dove un’operazione Sar della Guardia Costiera ha impedito che una piccola imbarcazione alla deriva, con a bordo 20 persone, potesse colare a picco. Il tutto è avvenuto nel pomeriggio di sabato 24 agosto. La barca stava viaggiando in direzione Sciacca, quando, a poche miglia di distanza dalla costa, ha iniziato ad imbarcare acqua. Il barchino sarebbe dunque affondato rapidamente se non fosse stato per l’intervento della motovedetta della capitaneria di porto, che ha individuato la barca prima che naufragasse. Tutti gli occupanti sono stati messi in salvo e portati poi sulla terra ferma. Per le operazione di trasbordo e salvataggio, in supporto è giunta anche una motovedetta della Guardia di finanza. Arrivati a Porto Empedocle, la prima ad essere sbarcata è stata una donna incinta, che è stata poi caricata a bordo di un’ambulanza per ricevere le prime cure. A seguire anche le altre 19 persone sono state fatte sbarcare.