Migranti, Bernini: su dl sicurezza nuovo compromesso a ribasso

Pol/Vep
·1 minuto per la lettura

Roma, 31 lug. (askanews) - "La risposta del governo sul fronte immigrazione è la cancellazione dei decreti sicurezza. Siamo di fronte all'ennesimo compromesso al ribasso che contiene diverse incongruenze. Prima di tutto, se le nuove norme - come sostengono i Cinque Stelle - serviranno sia a contenere gli sbarchi che a far ripartire i rimpatri, perché saranno varate solo a settembre, visto che siamo in piena emergenza? Fonti di governo parlano poi di un allargamento della protezione umanitaria, mentre secondo i grillini si interviene solo sulla protezione speciale. Ma gli arrivi dalla Tunisia, che attualmente sono preponderanti, sono solo di migranti economici". Lo afferma la capogruppo di Fi al Senato Annamaria Bernini. "Non solo: l'entità delle multe alle Ong è stata drasticamente ridotta, e vengono dimezzati i tempi di trattenimento nei Cpr. Intanto continuano le fughe dalla quarantena, col rischio di altri focolai che vanificano i sacrifici fatti dagli italiani per contenere il Covid. L'unica cosa certa è che la maggioranza continua a procedere in ordine sparso, e che questo governo non è in grado né di difendere i confini nazionali né di garantire la sicurezza degli italiani", conclude.