Migranti, Brignone-Civati: Italia complice Libia per torture e violenze

Pol/Vep

Roma, 3 feb. (askanews) - "Sono passati tre mesi da quando con Possibile abbiamo sollevato la questione, chiedendo alla ministra dell'Interno Lamorgese di non firmare l'accordo con la Libia, attraverso il quale continueremo a finanziare centri di detenzione fuori da ogni controllo internazionale. Sono passati tre mesi da quando la ministra Lamorgese è arrivata in Aula, a difendere gli accordi, a promettere però 'modifiche', una revisione del testo, 'miglioramenti' che non solo non sono mai arrivati, non sono mai stati discussi". Lo dichiarano la segretaria e il fondatore di Possibile, Beatrice Brignone e Giuseppe Civati, sugli accordi con la Libia.

"Non sono bastate - aggiungono Brignone e Civati - le mobilitazioni nate in questi mesi, ignorate dal governo e dalla maggioranza che lo sostiene, che prima o poi dovrà prendersi le sue responsabilità. Oggi è 3 febbraio, e inizia il quarto anno in cui l'Italia si sarà resa complice di una situazione in cui giorno dopo giorno uomini, donne e bambini vengono sottoposti a condizioni di detenzione pesantissime, torture, violenze. Nel silenzio generale. Nell'indifferenza di chi aveva il potere di cambiare le cose, e che ha deciso di voltarsi dall'altra parte".