Migranti: Carola Rackete firma appello per Mediterranea 'Sotto attacco politico-giudiziario' (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Ecco il testo integrale dell’appello e le indicazioni per il sostegno alle spese legali "che Mediterranea sta affrontando e dovrà affrontare": "Mediterranea Saving Humans è sotto attacco in Italia. Diversi membri di Mediterranea sono accusati dalla Procura di Ragusa di “favoreggiamento dell'immigrazione clandestina”. Non è certo la prima volta che un’accusa del genere viene usata per criminalizzare le operazioni civili di salvataggio dei migranti in mare. Uno dei pubblici ministeri di Ragusa aveva avviato nel 2004 il procedimento contro la Cap Anamur, conclusosi con la piena assoluzione di tutti gli imputati da ogni accusa. Negli ultimi giorni altre Ong sono state prese di mira con accuse simili in Sicilia – si legge nell'appello – Anche la solidarietà con i migranti e i rifugiati che raggiungono l'Italia attraverso la “rotta balcanica” è al centro di indagini giudiziarie e operazioni di polizia. E gli stessi migranti vengono criminalizzati, come nel caso dei 3 della El Hiblu a Malta e a Moria in Grecia".

"Ancora una volta, ci troviamo di fronte a tentativi di affermare il primato della chiusura delle frontiere rispetto al dovere di salvare le persone in pericolo. Mentre i legali continueranno a lottare in tribunale contro queste violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani, c'è la necessità di prendere politicamente posizione e di affermare il ruolo cruciale del salvataggio in mare dei migranti e delle pratiche di solidarietà nella lotta per un’Europa più aperta e democratica", dice l'appello.

E ancora: "La criminalizzazione di Mediterranea è emblematica dell’attuale congiuntura. L'accusa è costruita intorno a un’operazione condotta in mare dalla nave Mare Jonio (gestita da Mediterranea) l'11 settembre 2020. All'inizio di agosto, la petroliera Maersk Etienne aveva salvato 27 migranti nella zona SAR maltese. Anche se le autorità maltesi avevano coordinato l'operazione di soccorso, non hanno mai assegnato un “porto sicuro” di sbarco e i 27 migranti erano stati costretti a trascorrere 37 giorni su una nave bloccata in acque internazionali senza strutture mediche né alloggi adeguati. È stata probabilmente la più lunga situazione di stallo nella storia del Mediterraneo, e dobbiamo sottolineare che i 27 migranti erano in condizioni critiche a causa del duro viaggio che avevano affrontata, a partire dalla prolungata detenzione in Libia. La Mare Jonio ha risposto a una richiesta di assistenza del comandante della Maersk Etienne e il personale medico di Mediterranea è salito a bordo, rendendosi subito conto delle condizioni insostenibili dei migranti. Così è stato organizzato il loro trasferimento sulla Mare Jonio che si è poi diretta verso la Sicilia, dove i migranti sono stati finalmente autorizzati a sbarcare".