Migranti, Carola Rackete pronta a una nuova missione

webinfo@adnkronos.com

Carola Rackete è disponibile a ripartire con una nuova missione per il salvataggio di migranti in mare con l'ong Sea Watch. "Sono ancora sulla mailing list che viene usata in caso di emergenza", ha dichiarato l'attivista tedesca che lo scorso giugno era stata arrestata in Italia per aver forzato il blocco per far sbarcare 40 profughi a Lampedusa, in una intervista all'agenzia di stampa Dpa. Non è escluso quindi che tornerà a navigare nel Mediterraneo già la prossima estate, un eventualità tuttavia che "al momento non è in programma".  

Rackete era stata messa agli arresti domiciliari e poi rilasciata e autorizzata a lasciare l'Italia, ma il procedimento giudiziario a suo carico in Italia è ancora in corso, con le accuse di favoreggiamento dell'immigrazione illegale e resistenza a nave militare. Carola è in seguito partita per l'Antartide, sulla 'Artic Sunrise' e ora si trova in Patagonia, da dove si imbarcherà nuovamente, sulla nave di ricerca tedesca 'Maria S.Merian' per fare ritorno in Antartide.