Migranti, Ceccardi (Lega): tornati a situazione prima di Salvini

Red/Pol

Firenze, 27 set. (askanews) - "A bordo della Ocean Viking, tra i 182 migranti sbarcati, erano presenti anche due scafisti, riconosciuti ed arrestati grazie all'intervento delle nostre forze dell'ordine. Il business dell'accoglienza nei suoi aspetti legali ed illegali è ormai ripreso a tutti gli effetti trascinando il paese nella stessa situazione precedente agli interventi del ministro Salvini". Lo scrive in una nota l'europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi.

"Il presidente del consiglio Conte - prosegue Ceccardi - si è ormai trasformato a tutti gli effetti in un leader politico della sinistra: le dichiarazioni rilasciate dal premier all'assemblea generale delle Nazioni Unite confermano la natura dell'accordo tra partito democratico e cinque stelle che ha spostato a sinsistra l'asse del governo italiano. Il vertice di Malta dello scorso 23 settembre è stata solo una operazione mediatica per screditare l'operato del ministro Salvini".

"È dunque opportuno attendere il prossimo 8 ottobre quando si riuniranno i ministri degli interni dei paesi membri per una ulteriore ed approfondita analisi anche se il nodo fondamentale da sciogliere -conclude Ceccardi- rimane quello relativo al trattato di Dublino. Fino a che non si rivedrà l'accordo su basi vincolanti per tutti i paesi dell'Unione, vertici come quelli di Malta sono solo fumo negli occhi, perché, ricordiamo, il testo redatto a La Valletta interessa solo il 10 per cento dei migranti che sbarcano sulle nostre coste, ha natura temporanea e la rotazione dei porti è del tutto a discrezione volontaria dei paesi sottoscrittori. L'unico dato certo è che ad oggi le persone arrivate nei porti italiane sono aumentate di ben mille unità rispetto al mese di settembre dello scorso anno".