Migranti, Crimi: "Chi non ha diritto non può restare in Italia"

webinfo@adnkronos.com

"Esprimo massima solidarietà al sindaco di Porto Empedocle. Sono venuto qui per capire quali soluzioni adottare di fronte a all'emergenza costituita dagli sbarchi di migranti, che arrivano in particolare dalla Tunisia". Lo ha detto il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi parlando alla stampa al suo arrivo a Porto Empedocle dove, presso il Comune, sta incontrando il sindaco della città e parlamentari del Movimento 5 Stelle del territorio. 

Per Crimi un "messaggio deve essere espresso chiaramente: chi non ha diritto di rimanere in Italia deve tornare nel proprio paese. Con la Tunisia ci sono degli accordi per il rimpatrio e dobbiamo lavorare su quelli. Inoltre con il sindaco Carmina e con il ministero dell'Interno stiamo lavorando per ridurre la pressione sul Comune di Porto Empedocle e per affrontare questa emergenza garantendo la massima sicurezza dei cittadini. Troveremo delle soluzioni anche rispetto alla questione sanitaria" che per Crimi "è centrale" e rispetto ai "casi delle persone che sono state trovate positive al Covid". 

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.