Migranti, Crimi: senza redistribuzione porti restano chiusi -2-

Mpd

Roma, 15 set. (askanews) - "La questione è molto semplice - chiarisce Crimi - : l'Italia non può affrontare il fenomeno degli sbarchi da sola. È inaccettabile che solo il nostro Paese si faccia carico dei migranti. Sì, perché uno sbarco implica un processo di gestione e accoglienza molto complesso, di cui l'Italia si è sempre occupata da sola, ma il fenomeno migratorio e la relativa gestione riguardano tutta l'Europa. E in questi 14 mesi abbiamo sempre ottenuto che vari Paesi si facessero carico dell'accoglienza di queste persone. Questo prima non avveniva, ed è un risultato di cui siamo orgogliosi.

Crimi spiega che si tratta di "principi cardine della nostra azione politica. E su questo saremo intransigenti". "Di sicuro non ci troverete a urlare in piazza o in tv, a strumentalizzare politicamente un fenomeno che coinvolge vite umane, a fare show, minacce e dimostrazioni di forza. Affronteremo tutto questo con la serietà che richiede, ma con altrettanta intransigenza, per ottenere il risultato che ci siamo prefissati: che la gestione dei flussi migratori diventi una questione europea e non solo italiana. Con noi al governo nessuna vita umana sarà in pericolo, ma nessuno deve lasciare sola l'Italia", conclude.