Migranti, Di Maio: "Decisioni sui rimpatri in 4 mesi"

Migranti, Di Maio: "Decisioni sui rimpatri in 4 mesi"

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ospite di “Dritto e rovescio” su Rete4 ha annunciato che presenterà nella mattinata di venerdì il decreto ministeriale sui migranti. "Non credo che la soluzione sia dire 'accogliamoli tutti' La soluzione è dire: chi può stare qui deve essere redistribuito negli altri Paesi ma non possiamo aspettare due anni per sapere se possono stare qui o se possono essere rimpatriati”, ha spiegato Di Maio.

VIDEO - Chi è Luigi Di Maio?

“Domani firmerò un decreto che ci permetterà in 4 mesi di capire se le persone che arrivano possono stare o devono essere rimpatriate. Così mandiamo un messaggio: inutile che venite se non avete i requisiti per l'asilo". Così ha detto il leader del M5s e ministro degli Esteri Luigi Di Maio a 'Dritto e rovescio' su Rete4 sottolineando che sul tema dei "rimpatrii siamo all'anno zero".

Il testo prevederebbe tra gli altri punti l'indicazione dei Paesi sicuri per velocizzare i rimpatri, ed è, frutto di "un lavoro di squadra, nasce di concerto con il premier, con il ministro dell'Interno", ha sottolineato di Maio che ha aggiunto: "Il decreto non va a ledere nessun diritto umano, ma è legato a procedure farraginose.

VIDEO - Migranti torturati in un centro detenzione in Libia



”Io credo che la redistribuzione non è la soluzione definitiva”, ha proseguito Di Maio, “io penso che dobbiamo lavorare sul principio che dobbiamo fare più accordi con Paesi del Mediterraneo o con cui abbiamo già fatto accordi commerciali, con Paesi che hanno loro democrazia, allora possiamo anche metterci d'accordo nel dire 'se arrivano i barchini sulle nostre coste, noi velocemente ve li rimandiamo indietro'".