Migranti, Di Maio: decreto rimpatri non comporta oneri di spesa

Fth

Roma, 4 ott. (askanews) - Il decreto di rimpatri sicuri presentato oggi alla Farnesina dal ministro degli Esteri Luigi di Maio "non comporta oneri di spesa per la semplice ragione che questo tipo di decreto inverte l'onere della prova", ovvero sarà il richiedente asilo a dover presentare le prove dei rischi che corre nel Paese d'origine e non dei magistrati.

"Il fondo di rimpatrio (…) che può arrivare a 50 milioni di euro non è il fondo di spese nostre per effettuare il rimpatrio, ma è il fondo che ci serve per sottoscrivere gli accordi. Nel senso che capiremo l'esigenza di spesa anche in base, per esempio, ai progetti di cooperazione allo sviluppo che avvieremo con i paesi per poi accelerare il meccanismo di rimpatrio", ha spiegato il ministro.(Segue)