Migranti, donne Pd a Lamorgese: attivi corridoio umanitario

Luc

Roma, 3 mar. (askanews) - La ministra dell'Interno Luciana Lamorgese promuova una iniziativa urgente "attivando un corridoio umanitario che sottragga a questo drammatico destino almeno i minori non accompagnati e le mamme con bambini, attualmente a Samo, verificando le situazioni più gravi e fragili con UNHCR, OIM e Ong, e sollecitando altri Paesi europei a fare altrettanto". E' quanto viene chiesto in una lettera-appello alla titolare del Viminale promossa da Silvia Costa, europarlamentare del Pd.

La lettera-appello ricorda come "l'Italia è stato il primo Stato membro ad avere aperto corridoi umanitari, anche grazie alla iniziativa e collaborazione di associazioni laiche e religiose", tante tra cui negli ultimi casi Comunità Sant'Egidio e la Chiesa Valdese", e segnala che questa iniziativa sarebbe il miglior modo - anche in vista dell'8 Marzo e per la grande partecipazione alla lettera—appello di donne di diversi mondi di provenienza "per dare un segnale forte e chiaro perché la dignità della persona umana e la solidarietà verso i più fragili restino i pilastri della nostra democrazia e della convivenza civile". Una iniziativa che si coniuga con quella promossa in queste ore in Parlamento europeo da Patrizia Toia con le eurodeputate pd.

Alla lettera hanno aderito esponenti di istituzioni associazioni e professioni nonché di altre forze politiche. Tra le parlamentari dem firmatarie Alessia Rotta, Chiara Gribaudo, Rosa Maria Di Giorgi, Valeria Fedeli, Marianna Madia, Titti Di Salvo, Lia Quartapelle, Stefania Pezzopane, Vanna Iori, Monica Cirinnà. Ma anche parlamentari di altri gruppi politici come Paola Binetti (Udc). Ex Ministre e ex parlamentari come Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Jotti, Anna Finocchiaro, Manuela Lucidi, Maura Cossutta, Emilia De Biasi, la storica Emma Fattorini, Gabriella Pistone, la ex assessore regionale Giulia Rodano. Tra le rappresentanti di sindacati e associazioni, Liliana Ocmin, coordinatrice delle donne Cisl, la Presidente nazionale Arci, Francesca Chiavacci, Francesca Danese, portavoce del Forum del terzo settore del Lazio, la presidente del comitato per il centenario di Chiara Lubich dei Focolarini, Lucia Fronza Crepaz, la coordinatrice nazionale donne Acli Agnese Ranghelli,,la Responsabile dell'ENAIP Paola Vacchina, Rosalba Giugni presidente di Mare Vivo, Maura Viezzoli di Movimondo, Alessandra Tazza della Coldiretti, Donatina Persichetti presidente di Donna e Società, Nunzia Nigro presidente di EuropaIncanto, Maria Teresa Tavassi della Lucerna, Gabriella Tomei della cooperativa Caribù. Tra le assessore e consigliere regionali e comunali Giovanna Pugliese e Maura Leodori del Lazio, Gianna Pentenero del Piemonte, Giovanna Barni vice Presidente della Toscana, Loredana Capone Vicepresidente della Puglia, Michela Di Biase e Valentina Grippo del Consiglio regionale del Lazio, le consigliere Pd Giulia Tempesta e Valeria Baglio e Ilaria Piccolo del Comune di Roma, Sabrina Alfonsi presidente e Sara Lilli, capogruppo nel primo Municipio di Roma, Cecilia d'Elia portavoce delle donne Pd del Lazio. Luisa Ciambella, capogruppo al Comune di Viterbo, Rita Visini della segreteria nazionale del Pd, Fabrizia Giuliani, Iside Castagnoli e Andrea Catizone. Hanno aderito segretarie comunali e regionali o dirigenti pd di quasi tutte le regioni italiane , tra cui la segretaria del Pd Di Milano Silvia Roggiani insieme alle portavoce delle donne pd dal Piemonte alla Lombardia alla Toscana alla Emilia Romagna all'Umbria, alla Campania alla Calabria. Tra le manager anche nel campo culturale Gioa Ghezzi, Giovanna Melandri, Alessandra Laterza , Catterina Seia Di Fitzcarraldo. Hanno aderito anche molte rappresentanti di associazioni di donne come Gabriella Moscatelli di Telefono Rosa, di SeNonOraQuando come Tatiana Campioni o Emma Amiconi di Tutti per Roma. Tra le artiste e le giornaliste Erika Zoi, direttrice d'orchestra, Maria Rosaria Omaggio e Daniela Poggi, Barbara Richerme Di Radio Rai.