Migranti: Draghi, 'no provocazioni in Ucraina e Bielorussia, inaccettabile'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 dic. (Adnkronos) – "Siamo determinati a ridurre le contrapposizioni sempre più evidenti ai confini orientali dell’Europa. Mi riferisco alle tensioni in Ucraina con la Russia, e la crisi al confine tra Polonia e Bielorussia. Dobbiamo essere fermi nel condannare qualsiasi provocazione. L’utilizzo dei migranti come strumento di pressione geopolitica è inaccettabile. Allo stesso tempo, dobbiamo proseguire con il dialogo, a livello bilaterale e sul piano multilaterale". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, in un passaggio del suo intervento alla XIV° Conferenza degli ambasciatori e delle ambasciatrici d’Italia nel mondo alla Farnesina.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli