Migranti, Fedriga: Governo capisca rotta Balcanica è delicata

Fdm

Udine, 30 set. (askanews) - "Sono preoccupato. In queste settimane si è riaperto anche il confine goriziano con ingressi che non avvenivano da quasi un anno. Mi auguro che il Governo capisca che la rotta Balcanica è molto delicata". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, oggi a Reana del Rojale (Ud), dove ha affrontato il tema migrazione ed ingressi irregolari in regione. "Eravamo riusciti a ridurre del 40,6% le presenze di immigrati irregolari accolti in Friuli Venezia Giulia - ha sottolineato Fedriga -. Era un buon successo ma c'era ancora molto lavoro da fare e ora ci troviamo che quel lavoro sta venendo meno. Abbiamo testimonianze anche dalla Croazia che i passaggi dalla Bosnia-Erzegovina sono in aumento. Oggi dobbiamo mettere in campo le misure necessarie affinché non diventiamo confine d'Europa quando non lo siamo via terra". Il presidente della Regione ha ricordato le proposte formulate tra cui "barriere per convogliare i passaggi in determinati punti e quindi rintracciare i migranti irregolari, utilizzare nuove tecnologie, rinnovare e potenziare il pattugliamento misto che e' fondamentale". "Se li prendiamo in Italia e fanno domanda di protezione incomincia un iter molto complicato e in molti casi ci costringe a tenerli", ha concluso Fedriga.