Migranti, Fondazione Nenni consegna premio a scrittore Luca Attanasio

Pol

Roma, 12 nov. (askanews) - "Dovremmo andare a prendere gli immigrati noi, per riempire i nostri paesi abbandonati e farli giungere in Italia in modo dignitoso e umano… Posto per loro c'è e sarebbe un modo formidabile di dare nuova forza, nuova linfa, nuovo futuro a questo Paese". Lo ha detto Carlo Fiordalisio, segretario generale della Fondazione Nenni, alla cerimonia di consegna del premio allo scrittore Luca Attanasio che si è particolarmente distinto per i suoi lavori dedicati alla difficile condizioni dei migranti in Italia e nel mondo. "Una grande emozione e un grande onore ricevere questo premio dalla Fondazione Nenni - ha detto il premiato -, cui mi lega il mondo della Resistenza e l'attenzione ai temi sociali. Primo fra tutti, oggi, quello dei 'migranti forzati'. Sono 71 milioni nel mondo… 25 al minuto, il 50 per cento bambini, il 25 per cento circa donne". Attanasio, presentando foto emozionanti e dati certi, ha rovesciato molti dei luoghi comuni delle narrazioni oggi in voga in parte dell'Occidente. "Quella italiana, poi, è la percezione più distorta del mondo, se ne parla come di un'invasione… Nulla di più lontano dal vero".

Alla cerimonia, che si è tenuta oggi pomeriggio nella sala degli Atti parlamentari presso la Biblioteca del Senato, era presente Massimo Isola, vicesindaco di Faenza, città natale di Nenni e "ancora molto legata alla memoria del suo illustre concittadino", come ha raccontato Isola citando parecchi passi dedicati da Nenni, nei diari, alla sua città. Anche il premio consiste in una ceramica faentina, ancora motore economico del centro romagnolo e vanto dell'artigianato italiano.

Fabiana Giuliani, protection associate UNHCR, ha sottolineato il valore delle esperienze di accoglienza e integrazione e di una politica migratoria che sarebbe "il primo dovere di una buona politica". Integrazione che passa soprattutto nella capacità di accoglienza della scuola, "e la scuola italiana è la più accogliente del mondo, grazie a una legislazione che fa della crescita e dello sviluppo i suoi caposaldi", ha detto Noemi Ranieri, segretaria nazionale Uil Scuola.

La motivazione del premio. "Per essersi distinto nel panorama nazionale ed Europeo per un forte impegno nel raccontare, con le sue attività d'inchiesta e nei suoi libri, storie di migranti, di donne che scappano dalle guerre, di minori stranieri non accompagnati, con una particolare attenzione al Continente africano". (Segue)