Migranti: Gasparri, 'tragedie del mare colpa di trafficanti morte e demagoghi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 apr. (Adnkronos) – “Ancora una tragedia del mare dovuta ai trafficanti di morte e ai demagoghi che ne incoraggiano l'attività. Le Ong si interroghino sul loro ruolo negativo invece di alimentare polemiche contro le autorità italiane e la Guardia costiera italiana". Lo afferma il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

"L’Italia -aggiunge- fa più del suo dovere, avendo accolto migliaia e migliaia di profughi. Ma altri Paesi devono assolvere ai propri doveri e contrastare l'attività dei trafficanti. Chi li incoraggia, chi fa una propaganda a favore di queste attività è il responsabile primo delle morti. Abbiamo letto di organizzazioni che caricavano a bordo delle proprie navi clandestini intascando laute prebende. Abbiamo letto cose orripilanti. Abbiamo posto già anni fa il problema dei taxi del mare e delle Ong che hanno alimentato le attività dei trafficanti. Ribadiamo oggi che bisogna contrastare le attività di chi in Libia e altrove organizza queste attività criminali ed è responsabile dei naufragi e delle morti e contestiamo anche il ruolo ambiguo e pericoloso di chi alimenta questa situazione in mille modi”.