Migranti, Grecia accusa: no dei Paesi Ue ad accogliere i bambini -2-

Sim

Roma, 23 nov. (askanews) - Mitsotakis ha precisato di aver autorizzato l'assunzione di 400 guardie per i controlli terrestri al confine con la Turchia, e di altre 800 guardie per le isole, e che saranno rafforzate le operazioni di pattugliamento in mare. Il governo prevede quindi il trasferimento dalle isole entro la fine dell'anno di circa 20.000 migranti.

Ma la questione deve essere affrontata a livello europeo, ha rimarcato il premier, riferendo sulla sua partecipazione, giovedì scorso, alla conferenza del Partito popolare europeo a Zagabria, in Croazia: "Ho dedicato tutto il mio discorso alla dimensione europea del problema. Ho chiesto di cambiare il regolamento di Dublino. Non possiamo continuare ad avere Paesi che godono dei benefici dell'Ue e di Schengen che allo stesso tempo rifiutano e negano con ostinazione anche la minima condivisione del problema". (Segue)