##Migranti, il "non paper" tedesco per la riforma di Dublino -3

Loc

Bruxelles, 21 nov. (askanews) - In terzo luogo, dovranno cessare del tutto i "movimenti secondari" con cui i migranti tentano (molto spesso riuscendoci) di stabilirsi in Stati membri diversi da quelli in cui dovrebbero restare, in base alle regole sul paese responsabile della concessione dell'asilo. 

"Lo Stato membro che secondo l'Agenzia europea sarà stato ritenuto responsabile di un richiedente asilo - si legge nel documento -, dovrà rimanerne permanentemente responsabile. È inaccettabile che, all'interno dell'Ue, la responsabilità dell'esame di una domanda di asilo possa essere rivista più volte, o che passi da uno Stato membro a un altro semplicemente a causa del passare del tempo", come accade se un richiedente asilo non è tornato nel paese responsabile entro una certa scadenza. "Questo crea incentivi sbagliati di ogni genere. Deve essere applicato il principio 'una volta responsabile, sempre responsabile', con pochissime eccezioni", sottolinea il "non paper".

Le domande di asilo "non devono più essere esaminate in più di uno Stato membro contemporaneamente". E "quelle presentate in uno Stato membro che non è responsabile dovranno essere respinte con un coinvolgimento minimo della burocrazia come manifestamente infondate", conclude il "non paper".