Migranti: legali Lucano, 'povertà non certo solo apparente, faremo appello'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 18 dic. (Adnkronos) – "Dopo la lettura approfondita delle motivazioni della sentenza di condanna siamo ancora più convinti della innocenza di Mimmo Lucano. Queste infatti contrastano con le evidenze processuali emerse in un dibattimento durato oltre due anni". Lo affermano Giuliano Pisapia e Andrea Daqua, legali di Mimmo Lucano, commentando le motivazioni della sentenza di condanna dell’ex sindaco di Riace contro le quale presenteranno ricorso in appello.

"I giudici, in contrasto anche con una sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione sull’uso delle intercettazioni telefoniche, negano la verità sulla stato di povertà dell’ex sindaco di Riace, confermata invece da tutti i testimoni e le acquisizioni documentali. Va anche ricordato come Lucano in numerose occasioni abbia donato e messo a disposizione dell’accoglienza le somme ricevute come premio in varie parti del mondo", aggiungono in una nota i difensori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli