Migranti, Libera: sabato tutti con una #magliarossa per fermare l'emorragia di umanità

Migranti, naufragio al largo della Libia: i sopravvissuti

Un giorno di riflessione: fermarsi 24 ore e indossare tutti una maglietta o un indumento rosso, come i pigiamini dei tre bambini annegati una settimana fa davanti alle coste libiche. È l'iniziativa lanciata da Libera, l'associazione anti-mafia di Don Luigi Ciotti, per mettersi "nei panni degli altri, cominciando da quelli dei bambini, che sono patrimonio dell’umanità. È il primo passo per costruire un mondo più giusto, dove riconoscersi diversi come persone e uguali come cittadini", spiega Libera sul suo sito.

La scelta del colore rosso, quindi, non è casuale. I figli dei migranti a bordo dei barconi indossano abiti e pigiami rossi per essere più riconoscibili in mare in caso di naufragio e richiamare l'attenzione dei soccorritori. "Rosso è il colore che ci invita a sostare. Ma c’è un altro rosso, oggi, che ancor più perentoriamente ci chiede di fermarci, di riflettere, e poi d'impegnarci e darci da fare. È quello dei vestiti e delle magliette dei bambini che muoiono in mare e che a volte il mare riversa sulle spiagge del Mediterraneo", spiega Libera. Di rosso era vestito il piccolo Alan, tre anni, la cui foto nel settembre 2015 suscitò la commozione e l’indignazione di mezzo mondo. Di rosso erano vestiti i tre bambini annegati l’altro giorno davanti alle coste libiche.

Secondo l'associazione anti-mafia "questi bambini muoiono mentre l'Europa gioca allo scaricabarile con il problema dell’immigrazione – cioè con la vita di migliaia di persone – e per non affrontarlo in modo politicamente degno arriva a colpevolizzare chi presta soccorsi o chi auspica un’accoglienza capace di coniugare sicurezza e solidarietà. Bisogna contrastare questa emorragia di umanità, questo cinismo dilagante alimentato dagli imprenditori della paura. L'Europa moderna non è questa. L'Europa moderna è libertà, uguaglianza, fraternità".

Sul sito di Libera è possibile lasciare la propria adesione all'iniziativa firmata, oltre che dal presidente nazionale dell'associazione anti-mafia e Gruppo Abele Don Ciotti, anche dal giornalista Francesco Viviano, presidente nazionale Arci, Francesca Chiavacci, presidente nazionale Legambiente, Stefano Ciafani, e dal presidente nazionale Anpi, Carla Nespolo. Tra le adesioni, spuntano oltre 30 associazioni tra cui Antigone e Cittadinanzattiva, e più di centro persone, tra cui Laura Boldrini.