Migranti: Linardi (Sea watch), 'spari libici contro barchino, soccorrere subito persone in mare'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 30 giu. (Adnkronos) – "Anche oggi siamo stati testimoni di un tentativo di una intercettazione da parte dei libici di un barchino durato circa un paio di ore durante il quale ci sono stati addirittura degli spari in acqua, alla fine il barchino è riuscito a scappare. Si trovano in mare e vista la tragedia di questa mattina ci aspettiamo che queste persone vengano soccorso immediatamente". E' la denuncia, raccolta dall'Adnkronos, di Giorgia Linardi, portavoce di Sea watch. "Ormai è prassi non considerare più gli arrivi a Lampedusa eventi di soccorso ma operazioni di Polizia – dice ancora Linardi- e sulla base di questo spesso l'intervento avviene monitorando l'avvicinamento delle persone piuttosto che andandole a prendere al largo". E conclide: "Di questo non bisogna dare colpa alle autorità di Lampedusa che sono allo stremo ma di una impostazione data dal governo italiano e in cui l'Europa continua a essere l'eterna assente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli