Migranti, Mare Jonio nel Mediterraneo: partita nuova missione

Gtu

Roma, 23 ago. (askanews) - Dopo lo sblocco della Ocean Viking, che sbarcherà i 356 migranti soccorsi a Malta, prima di essere ricollocati, è tornata nel Mediterraneo la Mar Jonio, per la sua quarta missione.

Lo annuncia Mediterranea Saving Humans su Facebook, spiegando che ieri al tramonto Mare Jonio ha lasciato il porto di Licata per tornare nel Mediterraneo centrale "a monitorare e denunciare le violazioni dei diritti umani e, laddove ci siano persone in pericolo, a salvare vite".

"La nostra nave è stata sotto sequestro probatorio per più di due mesi dopo avere salvato 30 donne, uomini e bambini a maggio scorso. Restituita al suo equipaggio di mare e di terra, è tornata adesso dove bisogna essere, mentre continuano le notizie di terribili naufragi di persone in fuga dalle bombe della guerra e dalle torture dei campi di detenzione libici", sottolinea l'organizzazione umanitaria battente bandiera italiana.

Il coordinatore di missione è Luca Casarini, poi ci sono 22 membri dell'equipaggio, distribuiti tra Mare Jonio e una barca d'appoggio, che "coprono tutte le funzioni necessarie a garantire la massima efficacia e sicurezza della missione". Tra questi sono a bordo anche Cecilia Sarti Strada e la scrittrice Caterina Bonvicini.(Segue)